Quanto costa il GPL?

Quanto costa il GPL?

Con l’acronimo GPL (Gas Petrolio Liquefatto) viene identificata una miscela di gas costituita da propano e butano sottoposti a una pressione che può raggiungere i 10 bar. 

Proprio grazie a questa condizione tali sostanze passano dallo stato gassoso a quello liquido, con vantaggi considerevoli a livello pratico, come volume occupato minore e una migliore gestione dello stoccaggio.

Entrambe le peculiarità, nell’ottica di un carburante, sono ovviamente un vantaggio considerevole. Queste caratteristiche però, non sono le uniche a rendere il GPL particolarmente apprezzato.

 

Niente impianti collegati ad una rete, nessuna dipendenza da ditte e nessun controllo annuale da parte delle autorità, anche se è opportuno essere sempre attenti e verificare la scadenza riportata sui tubi in gomma.

Perché il GPL è così diffuso?

Un’altra caratteristica che fa del GPL un carburante alquanto diffuso e che, rispetto alla maggior parte delle alternative, presenta un minor impatto ambientale. La miscela infatti, oltre a limitare i residui della combustione, ha anche una bassa presenza di zolfo.

Sebbene il GPL si presenti, al termine della lavorazione, come inodore e incolore, quello che viene commercializzato è in realtà modificato. Per motivi di sicurezza infatti, la miscela viene arricchita con etantiolo, un composto chimico che ha uno spiccato odore in grado di essere facilmente riconoscibile. 

A questo viene abbinato anche un particolare colorante giallo che, in caso di fuoriuscita, permette di individuare la presenza della miscela immediatamente.

Tutte queste caratteristiche hanno reso il GPL particolarmente diffuso nel settore auto, anche grazie a vari bonus offerti dallo stato italiano che ha attivato per spingere i consumatori ad adottare veicoli alimentati tramite tale miscela.

 

Non solo: in questo senso, anche i produttori si sono mossi prontamente offrendo una serie piuttosto ampia di veicoli alimentati grazie a questo carburante. Per fare alcuni esempi, vetture che propongono il funzionamento a GPL sono attualmente:

  • Fiat 500
  • Panda GPL
  • Hyundai i10 GPL e i20 GPL
  • Kia Picanto
  • Lancia Y GPL
  • Mitsubishi Space Star
  • Renault Clio

e tante altre.

Anche se queste marche prospettano una tecnologia che pesa sul prezzo iniziale dell’auto, sul medio-lungo periodo i vantaggi legati al costo del GPL permettono al consumatore di ammortizzare abbondantemente l’investimento effettuato.

Visti i trend odierni poi, è possibile prevedere che le vetture a GPL si contenderanno il mercato del futuro con le auto elettriche.

GPL e riscaldamento

Limitare questa sostanza solamente all’ambito automobilistico, però, è sicuramente riduttivo.

Per molti anni, prima dell’avvento delle reti che distribuiscono il metano, gli italiani si scaldavano con il gasolio (molto inquinante) o con il GPL. Chiaramente il primo ha il vantaggio di essere sempre alla portata, grazie a un’ottima rete distributiva. 

Il GPL necessita di essere trasportato in bombole o avere un luogo dove impiantare un serbatoio capiente e riempito tramite autocisterne. Ma erano tempi in cui si badava poco al risultato, poco alla spesa, per nulla all’ambiente, puntando sulla comodità. Con le reti odierne, la gestione è molto più semplice. 

Questo in virtù delle caratteristiche intrinseche del GPL, che è in grado di offrire un alto potere calorifero, accompagnato da un impatto ambientale molto basso. Le emissioni di polveri e gas inquinanti infatti, sono ridotte e paragonabili al più collaudato Metano.

 

Non solo: l'alta reperibilità e le facilità di manutenzione delle caldaie alimentate a GPL, rendono questa soluzione in costante crescita rispetto a sistemi simili.

Quanto costa oggi il GPL

Finora abbiamo parlato delle caratteristiche del GPL, ma quanto costa? Si tratta realmente di una tipologia di carburante così conveniente?

Nonostante il prezzo della miscela sia slegato rispetto al costo del petrolio, questo è comunque soggetto a fluttuazioni. Per fare una stima generica, attualmente il GPL costa dai 0,6 ai 0,65 euro al litro.

A questo punto dunque, viene quasi spontaneo fare un confronto con gli altri carburanti più diffusi. Rispetto alla benzina, per esempio, il GPL ha un costo più che dimezzato sul litro. Discorso simile quando si parla del gasolio, un tempo sinonimo di convenienza.

Tornando a focalizzarci sulla miscela ma in ottica riscaldamento. In un contesto come questo, per capire quanto costa il GPL è bene cambiare unità di misura.

Per il riscaldamento infatti, la miscela non viene resa liquida e dunque è necessario considerare il suo prezzo in ottica di metri cubi. Dunque, tenendo anche conto dell’IVA, il prezzo del GPL va dai 5 ai 5,6 euro al metro cubo. 

Chi non ha un impianto allacciato alla distribuzione del gas poi, dovrà eventualmente pensare anche al relativo acquisto di una bombola. In questo senso esistono diversi fattori che possono rendere più o meno costosa l’operazione, come il tariffario del singolo negozio o la dimensione della bombola stessa.

I formati più diffusi, generalmente, variano dai 10 ai 25 chili anche se, soprattutto per contesti extra casalinghi, si può arrivare oltre i 50 chili. Generalmente, il formato da 10 chili ha un prezzo che non supera i 30 euro. Virando su una bombola di GPL da 15 chili il prezzo sale a 35-45 euro.

Non solo, avendo la possibilità di un giardino o comunque di un appezzamento di terreno vicino a casa, si ha la possibilità di installare un cosiddetto “bombolone”. Questo si può acquistare (circa 350 euro per 1.000 litri) se si vuole restare autonomi nella scelta del fornitore ma, molte ditte, lasciano in comodato d’uso gratuito pur di fidelizzare il cliente.

Quanti chilometri si fanno con un pieno di GPL?

Calcolare i consumi in base a un pieno di GPL su una vettura non è semplice, visto le specifiche tecniche diverse di ogni serbatoio. 

Risulta però possibile fare una stima in base al rapporto costo/distanza percorsa. Per esempio, è stimato che per percorrere 100 chilometri con un’automobile alimentata a GPL è necessario generalmente spendere una cifra che si aggira intorno ai 6,8-7 euro. 

Mettere questo dato a confronto con gli altri carburanti poi, risulta ancora più interessante. Attualmente infatti, le vetture alimentate ad energia elettrica sono più costose (7,5 euro) così come quelle a benzina (circa 12 euro) e diesel (9,2 euro).

Interessante appurare invece come, allo stato attuale, per percorrere 100 chilometri il metano sia la soluzione migliore, visto che è necessario spendere meno di 4,2 euro.



Prezzi aggiornati al 17-11-2021

Hai trovato un errore o pensi che i prezzi siano sbagliati? Segnalacelo