Quanto costa Amazon Business?

Quanto costa Amazon Business?

Tutti noi conosciamo Amazon, lo shopping digitale per eccellenza, dove è possibile individuare una incredibile gamma di prodotti in commercio. Fondata nel 1996 da Jeff Bezos, questa piattaforma ha conquistato gran parte del mercato online, diventando leader incontrastata del settore.

Durante gli ultimi anni, Amazon ha ampliato il proprio raggio d’azione passando dalla semplice vendita online di libri, sino a trattare decine e decine di migliaia di prodotti della più svariata natura.

Una delle introduzioni più interessanti che hanno contraddistinto questo colosso tecnologico è Amazon Business. Si tratta di una piattaforma a sé stante che, seppur facendo sempre parte di Amazon, propone articoli direttamente alle partite IVA, che siano liberi professionisti o vere e proprie aziende.

Come è facile intuire, le necessità di questi soggetti, sono molto diverse rispetto ai comuni acquirenti, a quei privati che si rivolgono solitamente agli e-commerce. Questa piattaforma dunque, va a soddisfare le esigenze di queste figure professionali, offrendo soluzioni su misura per gestire i loro acquisti.

Come iscriversi ad Amazon Business

Per aderire ad Amazon Business è necessario registrare un account che non prevede alcun tipo di costo. Al fine di portare a termine l’iscrizione è necessario:

  • recarsi sul sito ufficiale di Amazon Business
  • cliccare su Crea un account gratuito
  • inserire la casella di posta elettronica aziendale
  • scegliere un nome e una password per l’accesso all’account
  • inserire altri dati come ragione sociale, partita IVA e simili

Al termine della procedura, sarà poi possibile accedere allo store esclusivo della piattaforma. In ogni caso va ricordato come sia possibile anche convertire un profilo standard di Amazon. In fase di iscrizione, utilizzando l’email già impiegata per un account classico, sarà possibile modificare la natura della propria ragione sociale, da persona fisica a partita IVA.

Nota bene: l’approvazione dell’iscrizione non è immediata e potrebbero essere necessari più giorni prima che il profilo sia effettivamente approvato.

Quanto costa Amazon Business?

Aprire un account di questo tipo non richiede alcun tipo di costo. A patto di avere partita IVA dunque, è possibile iscriversi e ottenere una serie di vantaggi considerevoli per quanto riguarda sconti e strumenti di reportistica.

L’offerta base poi, può essere ulteriormente ampliata attraverso Amazon Business Prime che, come vedremo nelle prossime righe, prevede invece la sottoscrizione di un abbonamento annuale.

Amazon Business Prime

Così come avviene con Amazon Prime, anche questa piattaforma offre una cura particolare per le consegne. In questo senso, Amazon Business Prime rappresenta la controparte B2B del servizio appena citato.

Anche se questo non include alcun tipo di opzione extra (come Prime Video e simili) risulta sempre utile per ottenere ulteriore sconti, oltre ad altri vantaggi notevoli. Tra questi, figura anche Amazon Guided Buying, ovvero un sistema per la gestione degli acquisti avanzata.

Questa soluzione può aiutare un dirigente ad evidenziare alcuni prodotti da acquistare o per segnalare un venditore da evitare. Amazon Business prime è disponibile con le seguenti modalità e costi:

  • Basic - fino a 3 utenti, 36 euro annui (IVA esclusa);
  • Small - fino a 10 utenti, 100 euro annui (IVA esclusa);
  • Medium - fino a 100 utenti, 250 euro annui (IVA esclusa);
  • Unlimited -  senza limite di utenti, 2.000 euro annui (IVA esclusa).

La sottoscrizione Unlimited inoltre, consente anche di bloccare gli acquisti di alcuni prodotti specifici o gli store di alcuni particolari venditori poco attendibili.

Cosa offre Amazon Business?

A livello pratico, cosa offre questa piattaforma ai titolari di partita IVA?

Va chiarito che, a grandi linee, le meccaniche dello store sono le stesse che riscontriamo nel Amazon classico. Nonostante questa apparenza però, esistono una serie di funzioni specificatamente ideate per il mercato business to business.

La differenza più evidente appare se poniamo uno sguardo al listino prezzi. I costi infatti, in questo caso, sono decisamente più bassi. Tutto ciò però, viene accompagnato anche da una serie di strumenti appositamente ideati per professionisti e aziende.

La gestione delle fatture per esempio, hanno un occhio di riguardo da parte di Amazon Business, così come tutto ciò che riguarda la contabilità. La serietà e la cura nei confronti dei propri clienti è d’obbligo, onde evitare critiche che potrebbero ledere il brand. 

Non solo: attraverso alcune funzioni, è possibile anche condividere l’account con altri membri della propria azienda (come di un eventuale addetto agli acquisti). Di seguito andremo ad analizzare più nello specifico tutto ciò che Amazon Business offre in tal senso.

Listino prezzi e modalità di pagamento

La maggiore attrattiva che caratterizza questa piattaforma è senza dubbio la possibilità di acquistare beni per la propria azienda/attività a costi notevolmente vantaggiosi.

Questo è dato anche dalla possibilità di ottenere sostanziosi sconti quando si acquista un gran numero di prodotti dello stesso tipo. Per chi ha attività particolarmente estese dunque, si tratta di un’opportunità di risparmiare parecchio denaro.

Sotto questo punto di vista infatti, va ricordato come sia possibile visualizzare i prezzi dei prodotti escludendo dagli stessi l’IVA (come vedremo in seguito). In tal senso inoltre, onde evitare abusi, è possibile applicare appositi filtri per escludere alcune tipologie di prodotti, o venditori, dai potenziali acquisti.

Le modalità di pagamento concesse dalla piattaforma sono varie e includono carte di credito VISA, MasterCard e American Express. Queste possono essere gestite in maniera similare a quanto avviene con un account Amazon standard.

Prezzi dei prodotti senza IVA

La possibilità di visualizzare i prezzi al netto dell’IVA, rappresenta un altro vantaggio legato a questo tipo di account. Se una proposta visualizzata nelle pagine  Amazon da un cliente normale, generalmente mostra il prezzo finale di un prodotto, in questo caso lo stesso è inserito senza l’imposta di valore aggiunto.

Sotto questo punto di vista, gli amministratori dell’account possono applicare filtri per facilitare il loro lavoro nel pianificare il bilancio e le previsioni di acquisto merci, includendo o escludendo ai prodotti questa tassa.

La gestione delle fatture

Anche se con l’introduzione della fatturazione elettronica la situazione è migliorata, la gestione delle stesse (soprattutto per aziende particolarmente grandi) non è semplice. Una piattaforma come Amazon Business, improntata verso il B2B e fortemente caratterizzata da un’impronta innovativa, non poteva restare immobile davanti a questa necessità.

L’emissione della fattura elettronica, in formato XML-PA, viene seguita dall’invio di una ricevuta al Sistema di Interscambio (SDL). Dopo aver ricevuto un Codice Destinatario dall’Agenzia delle Entrate, questo viene a sua volta inviato (tramite PEC) all’intestatario dell’account. Una procedura molto rapida e automatica che non richiede particolare attenzione da parte dell’utente.

Anche la consultazione dello storico delle fatture appare notevolmente facilitato. Chi si affida ad Amazon Business infatti, ha a disposizione diversi filtri per effettuare ricerche chirurgiche delle fatture emesse in precedenza. Soprattutto per aziende con un giro d’affari notevole, questa soluzione può risultare davvero molto preziosa.

Infine, anche nel caso di aggiornamento dei dati di fatturazione la piattaforma si presenta come particolarmente duttile. Per variazioni dei dati societari infatti, è possibile utilizzare un’apposita voce (overo Gestisci partita IVA) per intervenire sulle informazioni essenziali, modificando, per esempio, la PEC o altri dati specifici.

Account multi utenti e gruppi

Come già detto, questa piattaforma si focalizza su aziende che hanno anche decine e decine (se non centinaia) di dipendenti e dirigenti. In questo caso, può essere vantaggioso permettere anche ad altri soggetti di poter utilizzare lo stesso profilo dell’impresa in Amazon Business.

La piattaforma, nello specifico, offre un limite di 20 utenti che possono accedere attraverso un singolo account. Questi possono inoltre avere diversi livelli di accesso, con vari gradi di libertà d’azione.

Inserendo una mail personale corrispondente al dipendente a cui si vuole dare la possibilità di operare, questo può creare un nuovo account da collegare a quello principale. Nel caso ne abbia già uno personale, può scegliere se convertire lo stesso o se realizzarne uno nuovo appositamente per l’ambito lavorativo.

Non solo: in tal senso è possibile suddividere anche gli utenti che hanno accredito alla piattaforma. Ciò avviene attraverso i gruppi, ovvero dei veri e propri reparti a se stanti che possono agire in ambiti diversi dell’azienda. Ogni gruppo può avere una struttura gerarchica, con tanto di amministratori e utenti “semplici”.

Gestione degli ordini

Sempre in ottica aziende particolarmente grandi, anche la gestione degli ordini ha un peso notevole. Con un account standard infatti, solitamente i prodotti ordinati sono pochi e di rapida consegna (come da abitudine per Amazon).

Tutto cambia quando tipologie e quantità degli ordini sono alquanto rilevanti. Grazie agli ordini personalizzati, l’addetto agli acquisti può lavorare attraverso campi predisposti, in modo da individuare in qualsiasi momento ogni singolo ordine e renderlo riconoscibile dagli altri.

Sotto questo punto di vista è possibile operare direttamente sulle sezioni precostituite già offerte dalla piattaforma, anche se è possibile di crearne di nuove, disattivando quelle presenti di default.

Il tracciamento dei pacchi

Un altro vantaggio da non sottovalutare per quanto riguarda Amazon Business è il tracciamento dei pacchi con opzioni evolute. Anche se questa funzione è presente negli account base, in questo contesto professionale viene arricchito di dettagli che consentono di seguire la propria merce, diventando uno strumento molto più affidabile.

Chi lavora nell’ambito del B2B infatti, può affidarsi a quello che è definito come ordine d’acquisto. Lo stesso, va a individuare il codice identificativo specifico del pacco, con caratteri direttamente scelti da chi ha effettuato l’ordine.

Questo codice, solitamente riportato anche sulla ricevuta d’acquisto, può permettere una gestione del tracciamento molto più semplice da parte dell’azienda, soprattutto se la stessa ha a che fare con un numero elevato di ordini.

Politica dei resi

Va tenuto conto che, così come vale per alcuni beni “non fisici” presenti su Amazon, anche su Amazon Business vi sono alcuni limiti legati ai resi. Per esempio, prodotti come software, buoni regalo digitali o eBook, per loro natura, non possono essere restituiti in alcun modo.

In conclusione

Per qualunque figura di imprenditore o libero professionista iscriversi ad Amazon Business rappresenta un’opportunità imperdibile. Si tratta infatti di uno store B2B in grado di offrire, oltre a sconti alquanto interessanti, anche svariati strumenti utili per la gestione degli acquisti.

Se a ciò si aggiunge la natura gratuita di questo servizio, è facile comprendere perché, per chi ha partita IVA, è più che consigliato. Una volta presa dimestichezza con l’interfaccia e le funzioni offerte, è possibile espandere ulteriormente il proprio raggio d’azione e i propri affari. Con Amazon Business Prime poi, si può andare ancora oltre, grazie a ulteriori strumenti per la gestione dei propri acquisti.

La strada del commercio futuro è tracciata e restarne fuori, molto probabilmente, non è una filosofia vincente.



Prezzi aggiornati al 08-02-2021

Hai trovato un errore o pensi che i prezzi siano sbagliati? Segnalacelo

Articoli correlati