Quanto costa una seduta di fisioterapia?

Quanto costa una seduta di fisioterapia?

Quanto costa una seduta di fisioterapia?

Molte persone si chiedono quanto costa una seduta di fisioterapia, anche se il realtà è difficile dare una risposta generica a tale domanda. Il fisioterapista infatti, risulta essere una categoria che propone una serie di servizi alquanto ampia.

Questa figura professionale infatti, si occupa generalmente di diagnosi, cure e riabilitazione di molteplici patologie che possono colpire l’apparato muscolo scheletrico del corpo umano. Va da sé che, in questa definizione, rientrano una serie di problematiche molto varie, di diversa entità e soprattutto che possono includere trattamenti più o meno complessi.

In questo articolo analizzeremo il lavoro di questi professionisti, andando poi ovviamente anche ad esaminare la situazione sotto il punto di vista economico.

Cosa fa un fisioterapista?

Ancor prima di approfondire questa tematica, è bene capire come sia importante sapere a chi ci si sta rivolgendo. Risulta importante, per esempio, consultare il portale di fisioterapisti www.fisioterapia-online.it per capire se il tecnico è realmente iscritto all’albo. I trattamenti praticati infatti, essendo particolarmente delicati, devono per forza essere attuati da personale riconosciuto e qualificato.

La prima mansione svolta da un fisioterapista è effettuare l’anamnesi del paziente. Ciò avviene attraverso un’attenta analisi della storia clinica, con tutto il passato del soggetto, eventuali patologie e operazioni a cui è stato sottoposto.

A questa prima fase conoscitiva poi, fanno seguito vari esami per testare in maniera concreta la postura, la mobilità, forza e coordinazione del paziente. Queste valutazioni possono essere effettuate con o senza l’ausilio di particolari strumenti. Successivamente a  fase di analisi, il fisioterapista è pronto a creare, in maniera autonoma, un piano terapeutico per il soggetto.

Definire la natura di questi trattamenti è alquanto difficile, visto che un fisioterapista può lavorare su un semplice infortunio muscolare di uno sportivo (che può richiedere anche un’infiltrazione di cortisone) fino alla riabilitazione dopo un ictus. A grandi linee però, possiamo evidenziare interventi come:

  • manipolazione di muscoli e articolazioni
  • massaggio di muscoli, legamenti e tendini
  • contrazione muscolare attraverso stimoli elettrici
  • raffreddamento di particolari zone (per ridurre infiammazioni)
  • riscaldamento di particolari zone (per favorire la circolazione)

Come è facile intuire, queste terapie possono essere effettuate direttamente con un intervento manuale o attraverso strumenti come elettrostimolatori o simili.

Oltre a manipolare il paziente, il fisioterapista può formare lo stesso. Ciò significa che può insegnare al soggetto alcuni semplici esercizi da svolgere a casa o consigliare abitudini per migliorare il suo stile di vita.

Quanto costa un fisioterapista?

I costi legati a una seduta di fisioterapia dipendono dalla tipologia di trattamento, dalla zona e dal singolo professionista a cui ci si rivolge. Come abbiamo già spiegato, i servizi offerti possono essere molto diversi e dunque prevedere delle tariffe in base al metodo di cura adottato.

Generalmente, una seduta standard, può variare dai 30 ai 50 euro. Questa cifra può essere incrementata, più o meno sensibilmente, se le sedute sono finalizzate alla riabilitazione da un infortunio di natura sportiva. In caso di trattamenti particolari, come nell’ambito della osteopatia o della podologia, il costo per singola seduta può superare gli 80 euro.

In ogni caso, si parla di cifre che, per esempio, risultano decisamente più contenuti rispetto a quelli legati ai costi di un dentista o di altri specialisti in ambito medico.

Numero di sedute

Al di là dei costi legati alla seduta singola presso un fisioterapista, va calcolato anche quante sessioni sono necessarie per risolvere la problematica. Anche in questo caso non vi sono indicazioni precise e molto dipende dalle condizioni del paziente nonché dalle istruzioni del professionista.

Per alcune patologie poi, esistono degli eventuali controlli periodici che il fisioterapista può proporre. In tal senso, si parla però di sessioni con cadenza, nella maggior parte dei casi, mensile o persino trimestrale.

Quanto dura una seduta?

Troppo spesso si confonde la durata della seduta con la qualità. A seconda del tipo di intervento, un fisioterapista può essere impegnato per poche decine di minuti o per più di un’ora. Ovviamente, un professionista esperto e di qualità, è in grado di ottimizzare le tempistiche.

Generalmente possiamo affermare che:

  • il trattamento di un’articolazione in fase di riabilitazione può richiedere meno di mezz’ora;
  • la stessa operazione, se coinvolge più articolazioni o la colonna vertebrale, necessita  più di mezz’ora;
  • intervenire per la riabilitazione di un arto (o parte di esso) rotto richiede una ventina di minuti
  • il trattamento per problemi neurologici invece, può andare oltre i quaranta minuti.

Si tratta, chiaramente, di tempistiche indicative che possono variare a seconda dell’intervento specifico.

Dove individuare un fisioterapista qualificato

I fisioterapisti sono professionisti individuabili in diversi contesti. Alcuni lavorano in studi privati, altri in centri medici o strutture socio-sanitarie. In questi casi, sono spesso abbinati a veri e propri team di specialisti, in grado di trattare un paziente a 360 gradi.

Alcuni professionisti, nel caso vi sia la necessità, forniscono anche visite a domicilio (ovviamente a un costo maggiore). Non solo: possiamo trovare fisioterapisti che collaborano anche con centri fitness e con palestre, soprattutto se si tratta di strutture particolarmente grandi e con un numero vasto di clienti.



Prezzi aggiornati al 11-01-2021

Hai trovato un errore o pensi che i prezzi siano sbagliati? Segnalacelo

Articoli correlati