Quanto costa costruire una casa?

Quanto costa costruire una casa?

Quanto costa costruire una casa al mq? Prezzi, modalità e tempistiche

Il bisogno d'indipendenza, una solitudine costruttiva dal trambusto di ogni giorno sono e rappresentano dei diritti sacrosanti per te o per la tua famiglia alla ricerca della propria privacy o di una serenità tanto desiderata. Come realizzare questo obiettivo, questo sogno materiale di libertà? Niente di così astratto o velleitario, semplicemente puoi costruire una casa nuova di zecca senza spendere a tutti i costi i tuoi risparmi. Ma quanto costa costruire una casa da zero? Lo esamineremo per semplici passaggi all'interno dell'articolo, analizzando, soprattutto, il costo di costruzione di una casa al mq e le relative spese aggiuntive.

Quali sono le fasi di costruzione di una casa?

  • Acquisto del terreno - Studio topografico e studio geotecnico
  • Progetto
  • Presentazione delle pratiche in Comune
  • Individuazione della ditta costruttrice
  • Scelta dei materiali
  • Lavori di scavo
  • Costruzione della casa
  • Certificato di agibilità, iscrizione al Catasto e scritture pubbliche

Acquisto del terreno

Questo primo passaggio rappresenta la parte più importante dal punto di vista operativo per edificare una casa. È buona pratica sapere che l'acquisto di un terreno edificabile è la scelta migliore sotto tutti i punti di vista logistici, viceversa sarai costretto ad avviare ulteriori lavori per rendere suddetto lotto di terreno pronto per gli scavi. Il costo di un terreno edificabile varia da territorio a territorio e non ne esiste un prezzo univoco. Il prezzo medio in Italia si aggira tra i 150 euro/mq e i 2.500 euro/mq. 

Lo studio topografico o il rilievo topografico servono fattivamente per reperire dati al fine della progettazione di un edificio o per reperire dati di un oggetto, edificio già esistente. In pratica, nel tuo caso, sono degli strumenti utili per capire se la progettazione e successiva costruzione sono fattibili in un determinato terreno. Il professionista che si occupa di tutto ciò è, di solito, un geometra qualificato. I prezzi medi per uno studio topografico sono tra i 250 euro e i 400 euro.

Invece lo studio geotecnico o il rilievo geotecnico hanno la facoltà di studiare un terreno e anche la sua composizione per reperirne dati, affinché si individuano le migliori prestazioni relative a costruzioni superficiali o profonde, come per esempio le fondamenta di una casa. Il prezzo medio per questi rilievi è tra i 600 euro e gli 800 euro.

Progetto

Per la stesura del progetto di una casa dovrai interpellare un architetto, un ingegnere o un geometra. Essi dovranno presentarti, in prima battuta, un progetto preliminare dove saranno valutate le fondamenta, la struttura e le varie installazioni. Data l'essenza preliminare di quest'ultimo, esso sarà oggetto di correzioni, di cambiamenti e modifiche, anche da parte tua. In seconda battuta, quando il progetto preliminare della casa sarà confermato, potrai richiedere il progetto esecutivo che rappresenterà l'assetto definitivo sulla carta della tua idea immobiliare. Un progetto richiede dal 7 % al 10 % di tutto il budget richiesto per la realizzazione dei lavori. Il prezzo medio si aggira intorno ai 100 euro/mq.

Presentazione delle pratiche in Comune

Quando dovrai costruire la tua casa ti troverai di fronte anche a delle pratiche burocratiche, relativi permessi e tasse. Niente di così inimmaginabile e tortuoso. D'altronde il Comune dove risiedi, ovviamente, dovrà recepire le tue intenzioni e intendere se tutto è a norma. Quindi, quando il progetto esecutivo, di cui sopra, sarà pronto, il tecnico incaricato dovrà presentarlo all'ufficio tecnico comunale ed eventuale commissione per il rilascio della concessione edilizia. Ma quanto costano i permessi per costruire una casa?

Il contributo di costruzione da pagare alle casse del tuo comune è composto da due aspetti. Il primo sono gli oneri comunali di urbanizzazione, ed è una tassa calcolata in base al luogo di costruzione e ai costi totali dei lavori. Il suo prezzo medio ammonta circa tra i 1.200 euro e i 1.500 euro.

Il secondo è, invece, il costo di costruzione, sempre da pagare al comune, calcolato sui metri quadri totali dell'immobile, sulla sua relativa classe energetica e sempre sull'importo totale dei lavori. Il suo prezzo medio si aggira tra i 5.000 euro e i 6.000 euro.

Individuazione della ditta costruttrice

Per iniziare i lavori per la tua nuova casa e posare anche una minuscola trave o pietra avrai bisogno di un'impresa edile competente che dia il via alla costruzione dell'edificio. Oltre ad individuare una ditta di costruzioni dovrai nominare un responsabile dei lavori, di solito un architetto, con la sua relativa parcella che si aggira al 4 % sul costo complessivo dei lavori. Di conseguenza dovrai anche nominare un direttore di esecuzione e coordinatore di sicurezza e salute, di solito un geometra.

La ditta edile, comunque, dovrà presentarti un preventivo di costruzione - molto probabilmente gratuito - per comprendere tutti quegli elementi e costi legati ai lavori. All'interno di esso dovranno essere inclusi tutti i gravi o le spese professionali, l'affitto dei macchinari, i materiali, la manodopera e qualunque altro aspetto. Inoltre dovranno essere inserite nero su bianco le tariffe delle licenze o dei permessi e le relative tasse incluse.

Scelta dei materiali

Come hai visto la scelta dei materiali da costruzione, anche sotto la tua supervisione, può essere altresì un compito della ditta costruttrice. Quindi, dopo aver individuato la tipologia di materiale che più ti aggrada, la ditta si avvierà per il suo acquisto come da preventivo. Attenzione, la ditta non sempre verrà incontro al tuo portafogli o ragionerà secondo un'ottica di ottimizzazione costi. A questo punto, se vuoi, potrai muoverti in modo indipendente e cercare il materiale su internet per trovare, magari, prezzi molto convenienti spulciando tra vari siti. Oppure potrai affidarti a qualche azienda che ha dell'inveduto, i famosi fondi di magazzino, e acquistare tutto quello che ti serve a prezzi quasi stracciati, risparmiando veramente un bel po'.

Per conoscere i costi dapprima dovrai decidere come costruire una casa dal punto di vista dei materiali. Quindi, tutto ciò dipenderà se vorrai o vorrete ottenere una casa di mattoni o laterizi, una casa di acciaio, una casa prefabbricata in cemento o una casa in bioedilizia in legno, paglia, canapa o vetro cellulare e via discorrendo. Dopo l'eventuale scelta si potrà iniziare a ragionare sui costi rispetto i materiali già citati. Per ragionarci su, infatti, dovremmo scrivere, però, un articolo a parte.

Lavori di scavo

La tua casa in fase d'opera dovrà possedere delle fondamenta solide per non avere problemi seri in futuro con relativi costi. Per gettare le fondazioni la ditta costruttrice che hai scelto avvierà, ovviamente, dei lavori di scavo. I costi relativi a essi dipenderanno dalla grandezza del terreno e dalla mole degli scavi, dal tipo di superficie del terreno, dai materiali, dai macchinari e dai costi dell'impresa vari ed eventuali. Il prezzo medio per tutto il lavoro, se nulla si complica durante gli scavi, si aggira tra i 10.000 euro e i 20.000 euro.

Costruzione della casa

Questa fase, insieme all'acquisto del terreno per il tuo immobile, rappresenta il clou di tutto l'insieme dei lavori. In questo delicato e importante frangente vedrai nascere, uno dopo l'altro, tutti quegli elementi che a occhio rappresentano il fulcro di tutta la tua casa. Ecco quanto costa costruire una casa scandagliando i vari passaggi e relativi costi di ognuno, ragionando nell'ottica che ogni materiale e ogni comfort aggiuntivo hanno un loro specifico e relativo costo:

  • la struttura portante ha un costo tra i 25.000 euro e 50.000 euro, in base al livello di costruzione antisismica
  • il costo della costruzione del tetto varia tra i 7 - 20 euro/mq
  • la coibentazione del tetto, tramite cappotto termico interno, costa tra i 30 - 60 euro/mq. Mentre, invece, per un cappotto termico esterno il prezzo varia tra i 75 - 100 euro/mq
  • la coibentazione dei muri esterni verrà a costare tra i 70 - 100 euro/mq. Per quanto riguarda la coibentazione dei muri interni il prezzo si aggira tra i 40 - 60 euro/mq
  • per gli impianti di casa tra cui elettrico, idraulico, di riscaldamento e dell'antenna tv il costo complessivo è di circa 26.ooo euro
  • gli eventuali allacci agli impianti (luce, acqua, gas e fognatura) ammontano in totale, invece, a circa 3.000 euro
  • le opere murarie al costo circa di 15.000 euro
  • gli infissi e i serramenti al costo circa di 40.000 euro

Certificato di agibilità, iscrizione al Catasto e scritture pubbliche

Dopo aver costruito la tua casa per intero e prima di varcare la porta d'ingresso che profuma di nuovo devi sapere che vi sono altre tre pratiche burocratiche da ottemperare. Esse ti permetteranno di riconoscere il tuo immobile e relativi spazi adiacenti in alcuni termini di legge e normative oggi vigenti. Esse sono:

  • il certificato di agibilità, il quale attesta che certe condizioni, tra cui la sicurezza, l'igiene, la salubrità, il risparmio energetico e gli stessi impianti, vengano valutate e rispettino certe normative. Con la legge 69/2013 del Decreto del Fare è possibile ottenere il certificato di abitabilità dell'immobile tramite un'autocertificazione, chiamata SCA (segnalazione certificata di agibilità), al direttore dei lavori, di solito un architetto. Quindi, tramite il suddetto decreto, questa responsabilità passa dal sindaco del comune dove si trova l'immobile a un tecnico o professionista dentro il sistema dei lavori per la costruzione della casa. Il costo del certificato va dai 600 euro ai 5.000 euro a secondo della dimensione della casa e della sua tipologia.
  • L'iscrizione al Catasto è indispensabile per attestare e registrare il tuo immobile nei relativi registri, atti e mappe del Catasto e/o per dichiarare modifiche strutturali dovute a futuri lavori effettuati all'interno o all'esterno di un edificio. Il costo per l'iscrizione catastale ammonta circa tra i 1.000 euro e i 2.000 euro.
  • Infine, avrai bisogno d’iscriverti ai registri di proprietà e per adempiere a tutto ciò dovrai rivolgerti a un notaio che redigerà un atto pubblico notarile attestante il tuo diritto di proprietà sulla casa. Il prezzo di questa iscrizione è calcolato tramite una percentuale dello 0,5 % del valore dell'immobile.

Quanto tempo ci vuole per costruire una casa?

Un progetto di una casa, come abbiamo già scritto, può essere in prima fase preliminare e in seconda fase può e deve diventare un progetto esecutivo. Il progetto preliminare nasce dopo una discussione tra te e l'architetto e, dopo alcune dovute modifiche e revisioni, solo successivamente il progetto definitivo viene approvato da architetti, clienti ed enti pubblici.  Dalla prima alla seconda fase passano, di solito, dai sette agli otto mesi.

Nel frattempo potremmo far visionare i vari preventivi di spesa delle ditte coinvolte nei lavori di costruzione. Per esempio, avremo a che fare con delle classiche imprese di costruzione fino ad arrivare a piccole o medie imprese d'installazione impianti. La visione dei preventivi e l'assegnazione dei vari appalti può portarci via anche un mese abbondante di lavoro.

La costruzione effettiva della casa, considerando modifiche in corso d'opera, ferie del personale, rallentamenti, ritardi e problemi di vario genere, ha tempistiche che si aggirano intorno a un anno o un anno e mezzo. Poi, naturalmente, dovremo mettere in considerazione l'Abitabilità, il Catasto e l'atto notarile per i quali impiegheremo, forse, almeno altri sei mesi perché il nostro comune di residenza avrà al massimo questa determinata tempistica per le varie ispezioni che sottendono il rilascio del certificato.

Quindi, sommando le varie tempistiche già citate e aggiungendo un mese per eventuali, non auspicabili, problemi ulteriori arriveremo a circa due anni per il completamento definitivo di una casa e il tanto desiderato ottenimento della casa chiavi in mano.



Prezzi aggiornati al 12-11-2020

Hai trovato un errore o pensi che i prezzi siano sbagliati? Segnalacelo

Articoli correlati