Quanto costa castrare un gatto?

Quanto costa castrare un gatto?

Secondo il rapporto Eurispes 2020, quattro italiani su dieci (poco più di venti milioni di persone) accolgono tra le proprie mura un animale domestico; di questi uno su due preferisce la compagnia del cane, uno su tre quella del gatto.

Quest’ultimo è sempre più integrato negli ambienti casalinghi, amato tanto dai bambini quanto dagli anziani, anche se la fascia di età più incline ad accogliere un felino in casa è quella che va dai 25 ai 34 anni (34%), questo perché l’autonomia del gatto ben si concilia con la vita fuori casa dei padroni, dettata da motivi di studio e lavoro. Tuttavia, c’è un pensiero frequente che attanaglia i padroni di gatti, indipendentemente dall’età: "È necessario castrarlo?"

In quest’articolo cerchiamo di approfondire quest’aspetto e tutto ciò che riguarda la castrazione del gatto.

Per prima cosa facciamo un po’ di chiarezza e capiamo qual è la differenza tra castrazione e sterilizzazione.

La castrazione del gatto prevede la rimozione degli organi riproduttivi (testicoli, ovaie, utero) tramite intervento chirurgico; anche la sterilizzazione prevede un’operazione chirurgica, seppur meno invasiva, come la vasectomia o la chiusura delle tube di falloppio.

Fatta questa doverosa precisazione, vediamo ora in cosa consiste la castrazione, quanto costa, quando è consigliabile procedere con l’operazione e perché conviene.  

Castrazione gatto: in cosa consiste e quanto costa

La castrazione è un’operazione chirurgica volta all’eliminazione degli ormoni sessuali nel gatto. Solitamente questo tipo di intervento è consigliato per i maschi, mentre per le femmine si è soliti procedere tramite sterilizzazione.

L’operazione, chiamata medicalmente orchiectomia, prevede la rimozione dei testicoli; l’intervento non è particolarmente invasivo, perciò il più delle volte si procede a sedare il gatto senza far uso dell’anestesia, e dura circa venti minuti.

Quanto costa questa operazione? Il prezzo dell’intervento per castrare un gatto può oscillare tra 80 e 150 euro. Questa variabilità di prezzo è data da fattori come il luogo dove si effettua l’operazione (ambulatorio o clinica) o la posizione geografica (nord-sud, centro-periferia); nonostante le differenze di prezzi, la castrazione è solitamente meno costosa della sterilizzazione.

Castrazione gatto: il post operazione

Il post operazione per il gatto è solitamente molto tranquillo e la ripresa discretamente veloce (in caso di operazione senza anestesia).

A seconda dei casi, e soprattutto in caso di punti, è bene prendere in considerazione l’ipotesi di comprare un collare elisabettiano per il gatto, evitando in tal modo che possa leccarsi eccessivamente nella zona operata con l’intenzione di rimuovere i punti.

Altri tipi di castrazione

Oltre alla orchiectomia sono previste altre due modalità di castrazione:

  • la vasectomia (sterilizzazione)
  • la castrazione chimica

sono due tipologie previste, anche se poco utilizzate.

La vasectomia non prevede l’asportazione dei testicoli del gatto che, per questo motivo, continua a produrre testosterone e ad avere impulsi sessuali; la castrazione chimica, dal canto suo, si basa sulla somministrazione di farmaci antiandrogeni che frenano la libido del gatto per un periodo limitato (6 mesi).

Quando si può castrare il gatto

Un aspetto determinante per la salute del gatto è capire quando procedere con l’operazione. È sconsigliato castrare un gatto nei primissimi mesi di vita; anticipare i tempi, infatti, può rivelarsi dannoso per la crescita del gatto, sia a livello fisico sia da un punto di vista comportamentale.

Un periodo buono può essere quello che va tra i 7 e i 12 mesi di vita del gatto, in cui i tratti più importanti del carattere e del fisico sono determinati.

In alcuni casi la castrazione può avvenire anche dopo che il gatto abbia fatto i primi spruzzi, l’importante è non lasciar trascorrere troppo tempo tra questi e l’intervento chirurgico; se operato in tempo il gatto non mostrerà più nessuna propensione sessuale, in caso contrario l’operazione non limiterà del tutto gli istinti dell’animale. 

Perché castrare un gatto maschio

Castrare un gatto maschio conviene, sia ai padroni sia agli stessi felini, e i motivi sono tanti:

  • ridotte possibilità di lotta contro altri maschi e pertanto ridotte possibilità di contrarre malattie gravi come la FIV o la FeLV, trasmesse attraverso graffi e morsi
  • eliminate le possibilità di fuga date dalla presenza di femmine in calore che possono comportare seri rischi per l’incolumità del felino (l’attraversamento improvviso delle strade su tutte)
  • se in casa sono presenti altri gatti maschi, il gatto castrato sarà meno competitivo e pertanto meno incline alle zuffe
  • la castrazione del gatto maschio tutela anche il padrone dello stesso, dal momento che l’operazione chirurgica impedisce al gatto di spruzzare per marcare il territorio in casa, evitando uno sgradevole odore agli abitanti della casa

Un ultimo motivo, ma non di minore importanza, è quello di limitare il proliferare di cucciolate indesiderate, sia per combattere il randagismo sia per non lasciar marcire dei cuccioli in gattili sovraffollati.



Prezzi aggiornati al 11-09-2021

Hai trovato un errore o pensi che i prezzi siano sbagliati? Segnalacelo

Articoli correlati
Quanto costa un cane corso?
Quanto costa una scimmia?
Quanto costa un riccio?
Quanto costa una mucca?
Quanto costa un maiale?
Quanto costa cremare un cane?